MAGLIA GRANATA DEL TORINO PER STAUCIUC

Dagli Allievi Regionali dei Giovani Granata Monsummano alla squadra Under 18 del Torino: è ufficiale la notizia che Bogdan Stauciuc nella prossima stagione vestirà la maglia granata, a testimonianza di quanto sia solido il rapporto di collaborazione tra la società di Cairo e i Giovani Granata Monsummano, che stanno raccogliendo sul campo i frutti del lavoro avviato anni fa (si vedano gli ottimi piazzamenti in campionato e in Coppa) e che anche stanno lanciando sempre più giovani interessanti verso il calcio professionistico. Per spiegarci i dettagli del trasferimento al Torino di Bogdan Stauciuc, abbiamo intervistato Carlo Pucci, responsabile del centro di formazione (quello di Monsummano è uno dei tre in Italia) e osservatore per il Torino:

C’erano state varie richieste di società professionistiche e di società di serie D, ma in questi giorni il Toro ha portato a casa dal suo centro di formazione Giovani Granata Monsummano il nostro attaccante classe 2002.
Si tratta di un premio meritatissimo per un ragazzo che ha una serietà, un’educazione e una professionalità esemplari. Ed è un importante riconoscimento per la nostra società, a partire dal presidente Paolo Arbi, che è stato fondamentale nel supporto di questo percorso, così come gli allenatori Taddei, Zei e Marchi e il tutor Tardiola del convitto di Pescia, col quale Bogdan ha trascorso questi anni, e anche per la società Manciano, e in particolare per una persona competente e fantastica come Antonio Morello. Queste soddisfazioni ci danno la forza per continuare a lavorare con la serietà e professionalità di questi anni. Non ultimo, ovviamente, è un premio meritato per un ragazzo che in tre anni è stato di esempio per tutti i compagni: siamo davvero onorati di averlo avuto qua da noi.

Come ha scoperto Bodgan?

Tre anni fa lo vidi per la prima in un provino del Torino: in quella occasione non fece cose particolari. Sembrava grezzo e un po’ sgraziato. Però mi colpirono la sua tenacia, il suo carattere, la sua voglia di trovare il gol con entrambi i piedi e la sua voglia di mettersi a disposizione della squadra. Dentro di me dissi.. ‘Su questo ragazzo possiamo lavorarci’ e al presidente Arbi e a Morello chiesi: ‘Datemi la possibilità..’. A settembre firmò per noi, entrando in convitto all’Istituto tecnico di Pescia, dove ha sempre tenuto un comportamento esemplare, come mi è stato sempre fatto presente da tutti all’interno della struttura. In tre anni con noi ha realizzato più di 150 gol contro ogni tipo di avversario. E’ stato convocato nella rappresentativa regionale Allievi da Mannelli e ha disputato prestazioni di rilievo oltre che realizzato gol importanti nel Torneo delle Regioni a Fiuggi. Non so dove potrà arrivare. Tutti noi ci auguriamo che questo ragazzo possa raccogliere ciò che merita nel calcio e nella vita che andrà ad affrontare. Ci tengo a sottolineare l’importanza in questo percorso di formazione del lavoro di Teodoro Coppola (che è il responsabile di tutte le Academy e dei tre centri di formazione del Torino) e del suo staff del Torino: grazie a loro abbiamo intrapreso metodologie che permettono di migliorare la qualità del lavoro e la crescita di coloro che sposano il progetto del nostro Centro di Formazione.

Leave a Reply